Consapevolmente | DMT – introduttivi
18317
page,page-id-18317,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive

DMT – introduttivi

DMT 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre 5 ore di PRE-CORSO GRATUITE con pratiche, teoria e condivisione

 calebndario dmt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 introduttivo n.1 – PIANO FISICO 

INIZIARE IL LAVORO DAL CORPO FISICO È PIÙ FACILE PERCHÉ PIÙ GROSSOLANO
il lavoro sensoriale è ciò che ci permette di comprendere che un immagine è sempre rappresentata in termini di senso.  Una liberazione è sempre una percezione perché dal momento che senti esci fuori dal concetto e dato che il concetto è condizionamento lo vai a liberare.
Il trauma è adesso e non nel passato, è sufficiente prestare attenzione perché possa sciogliersi da se. Non cercate nel passato il passato muore nel presente, quel che voi non sentite più è finito, non è mai esistito. Ovviamente questo non giustifica nulla ma quale che sia il trauma prima o poi dovete vivere con esso senza la storia (rappresentazione, giudizio, interpretazione). 
Il corpo è un’istantanea della nostra struttura emotiva e caratteriale.

1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PIANO MENTALE introduttivo n.2

Cosa è la mente?
la mente è certamente un modello, una mappa non un oggetto, ne tantomeno la secrezione di un organo. 
Dalle nostre parti questo modello prende origine dal pensiero di PLATONE, assunta poi dal CRISTIANESIMO ed enfatizzata da CARTESIO con il celebre “PENSO DUNQUE SONO
In oriente (ci sono distinzioni tra buddhisti, taoisti ed induisti) è esattamente l’opposto “NON PENSO QUINDI SONO” ovvero il pensare è una delle facoltà a nostra disposizione e per loro fa in qualche modo parte del “vestito” che indossiamo come un fiore all’occhiello di un abito sontuoso. Ma nessuno si identificherebbe con il suo fiore all’occhiello vero?
La mente non ha una funzione passiva nella percezione, non si limita cioè a ricevere informazioni dagli organi di senso, ma organizza in modo attivo le informazioni ricevute in modo da comporle a formare un tutto”. Quindi per intenderci lavorare sul piano mentale è non sono necessario per liberarlo dai condizionamenti ma indispensabile perchè la mente è, sia l’ostacolo più grande al nostro risveglio, sia lo strumento più raffinato che abbiamo a disposizione per ridestarci.

 

 

2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PIANO EMOTIVO introduttivo n.3

di che si tratta?
Noi esseri umani siamo fatti oltre che di carne ed ossa e pensiero di energie sotterranee che ci attraversano o forse sarebbe meglio dire nelle quali siamo immersi costantemente come imbarcazioni nell’oceano. l’oceano emotivo.
Queste energie che lo vogliamo o meno influenzano potentemente le nostre giornate e le nostre vite e sarebbe bene riappropriarci dell’ABC di questo linguaggio
  • istinto o comportamento innato è la tendenza intrinseca di un organismo ad eseguire o mettere in atto un particolare comportamento. (verso un oggetto specifico)
  • pulsioni (concetto freudiano) eccitazione di tipo somatico che promuove i processi psichici, premendo sull’individuo e spingendolo a sviluppare quei comportamenti 
  • emozioni risonanza interna del sentire del cuore
  • sentimenti  sono culturali e si imparano dai miti e dalle storie che ci raccontava la nonna davanti al fuoco.
  • passioni ….

 

3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per informazioni sul corso e modalità

http://www.consapevol-mente.it/dmt-deprogrammazione-mentale-transpersonale/